Il mio pollo alle mandorle e le riflessioni sulle influencer

POLLO ALLE MANDORLE

Eccomi, arrivo da un periodo molto intenso in cui non sono stata particolarmente bene quindi mi sono presa una piccola pausa.
Ho avuto il tempo di riflettere su quello che è il mondo dei social e degli influencer.
Mi è capitato di vedere cose che sinceramente non mi sono particolarmente piaciute, ad esempio in un’intervista una foodblogger affermava di buttare via tutto quello che cucina, cosa che sinceramente mi ha stupito molto e non la trovo nemmeno particolarmente corretta.
Forse sarà per quello che le ha una taglia 42 e io no!!!

Un’altra fino a un annetto fa recensiva creme comprate da lei con marchi facilmente reperibile e acquistabili dalla maggior parte di noi, da un po’ di tempo a questa parte recensisce solo creme che hanno dei costi spropositati perchè le vengono inviate dalle aziende, la prima domanda è ma come fa a far fuori tutte quella roba che gli arriva?, la seconda ma chi se le può permettere delle creme da 150€?, è inutile che continui a sprecare fiato!, l’apice è stato poi quando gli è arrivato un bancale intero di elettrodomestici di una nota marca da provare, questo sinceramente mi sembra eccessivo, attenzione la mia non è invidia e solo un’analisi critica di quello che ci circonda.

Si ho riflettuto se chiudere tutto o continuare, sinceramente è a me è successo solo un paio di volte di ricevere offerte di prodotti, non ho un pubblico così vasto, poi ho pensato cosa ti piace fare? cosa ti fa stare bene? quindi ho deciso di continuare a postare le mie ricette ma lo farò soltanto perché amo fotografare amo cucinare e questa cosa mi fa stare bene non certo perché miro ad avere più visibilità e prodotti gratuiti, ho il mio gruppo di sostenitori che sono più amici che follower e va bene così!!!

Ovviamente le due amiche di prima non le seguo più, così abbiamo risolto il problema.

Ingredienti
1 kg petto di pollo
100 g di mandorle
2 cucchiai di farina
salsa di soia
olio

Parazione
Prima di cominciare tostare le mandorle in una padella antiaderente senza aggiunta di grassi, una volta che le mandorle sono ben tostate metterle da parte. Tagliare il pollo a dadini infarinarlo, nel frattempo soffriggere pochissima cipolla con due cucchiai di olio in una padella antiaderente, abbastanza capiente, quando la cipolla è ben dorata aggiungere il pollo e farlo rosolare bene, una volta che il pollo ha preso un po’ di colore, aggiungere mezzo bicchiere di salsa di soia,  mezzo bicchiere di acqua e le mandorle tostate, mescolare molto bene, cuocere per circa 15 minuti.
Il risultato dovrebbe essere una salsina cremosa è il il pollo ben ben cotto all’interno.

 

Annunci

Buona Pasqua con il mio pesce finto!

IMG_1264

Auguri a tutti! ormai la pasqua è arrivata, anche se il tempo non ci da tregua e per la primavera pare che dobbiamo aspettare ancora un po’!

Questa ricetta io la ADORO! insieme ai vari agnelli, uova ripiene e colombe secondo me è un antipasto che ci sta proprio bene, semplicissimo da preparare e ovviamente veloce, poi si può scegliere la forma che più ci piace, io l’ho fatto a forma di pesce perchè mi sembrava una cosa carina da fare insieme al mio fido aiutante Matteo. Certo non è bellissimo ma per lui era il pesce più bello che avesse mai fatto.

Ingredienti

3 patate gorsse

200 g di tonno sott’olio

1 cucchiaio di capperi

4\5 cucchiai di maionese

sale e pepe a piacere (io il sale non lo metto perchè secondo me i capperi e il tonno sono già abbastanza saporiti)

Preparazione

Lessare le patate, una volta cotte pelarle e lasciarle raffreddare, schiacciare le patate con lo schiaccia patate, mi raccomando non frullarle, altrimenti diventano una colla, io una volta l’ho fatto e ho combinato un disastro, mischiare la purea di patate con il tonno i capperi sminuzzati e la maionese, una volta che il composto è ben amalgamato mettere il composto su un piatto e sagomarlo a forma di pesce, si può fare mono porzione o grande su un piatto da portata. In alcuni casi l’ho visto anche decorato con delle fettine di cetriolo sottaceto, a mo di squame, direi che in questo caso la fantasia non ha limiti, noi ci siamo accontentati della forma, direi che per la prima volta per il mio nanetto era già abbastanza.

Comunque occhio perchè è talmente buono che finisce subito!!!!

 

Dado granulare vegetale

IMG_20180322_131005.jpg

E arrivata la primavera finalmente, la stavamo aspettando con ansia, quindi con le verdure fresche è d’obbligo preparare il mio dado vegetale, io lo uso per tantissime cose…

la preparazione è semplicissima, poi ci sono due possibilità, o si surgela nei contenitori del ghiaccio per averlo sempre a portata di mano o lo si trasforma in dado granulare con il microonde, procedimento un po’ più lungo, ma io lo preferisco, ma non temete ora vi spiego tutto.

Piccola premessa, per le patite del riciclo e del green, il dado si può fare anche con gli avanzi e la pelle delle verdure, ad esempio la parte terminale dei finocchi, la pelle delle carote, le foglie del sedano, ecc.

2018-03-22-12-11-05.jpg

Ingredienti

1 kg di verdura mista (zucchine, carote, pomodoro, finocchio, sedano, cipolla)

500 g di sale grosso

2 cucchiai di erbe aromatiche provenzali, io le ho prese direttamente in Provenza, ma si trovano anche in erboristeria da noi.

2 cucchiai di olio

50 ml di vino bianco

Preparazione

Mettere tutti gli ingredienti in una casseruola capiente, far cuocere le verdure fin che toccandole con la forchetta si spappolano, lasciar raffreddare un po’, poi trasferire il tutto in un frullatore e frullare fino ad rendere tutto omogenizzato, ora si possono trasferire nei contenitori del ghiaccio e surgelare il tutto, oppure disporre parte del composto su un piatto adatto al microonde rivestito di carta forno, deve risultare uno strato molto sottile, accendete il microonde alla massima potenza e fate andare per 5 minuti, controllate se il composto si è asciugato, di solito i bordi asciugano prima, quindi vanno tolti man mano altrimenti bruciano, continuare questa operazione fin che tutto il dado e ben secco, continuare fino alla fine del composto, di solito questa operazione richiede molto tempo, ma come ho detto ne vale la pena, io con queste dosi ho fatto 2 barattoli essiccati e un barattolo che ho regalato ad una mia amica che ha preferito surgelarlo.

Dado senza glutammato e schifezze varie e con una dose di sale ragionevole.

 

Crespelle VEGAN di grano saraceno con verdura

Questa è una schiscetta sfiziosa, l’altro giorno stufa di portarmi al lavoro insalata e tonno in scatola,  ho sfogliato i miei libri di cucina prendendo ispirazione qua e la ne è uscita questa ricetta, il risultato non è niente male.

INGREDIENTI per le crespelle

400 ml di latte di soia

100 g di farina di grano saraceno

50 g di farina integrale

1 cucchiaio di farina di ceci

1 cucchiaino di lievito per torte salate

noce moscata

paprika

sale

INGREDIENTI per il ripieno

1\2 carciofo

1\2 carota

3 o 4 foglie di radicchio

1\2 zucchina

100 g di ceci cotti

limone

sale

pepe

olio extravergine di oliva

Preparazione

Un una ciotola capiente unire tutti gli ingredienti per le crespelle, mescolare energicamente con una frusta, quando il composto è ben amalgamato lasciar riposare per 15 minuti.

In un pentolino non troppo grande, sul fuoco,  mettere un filo di olio lasciar scaldare e versare un mestolo del composto, cuocere fin che si forma la crepes, procedere fino al completamento della pastella. A me sono venute circa 7 crepes.

Una volta cotte le crepes è la volta della verdura, in un pentolino con un filo di olio saltare della verdura a piacere, aggiungere un pizzico di sale e aromi a piacere.

Mentre la verdura cuoce si può preparare l’hummus di ceci (le varianti sono infinite, si possono usare ceci, fagioli lenticchie, piselli)

In un frullatore versare i ceci il succo di mezzo limone e l’olio, frullare il tutto fin che non diventa cremoso.

Ora assembliamo il piatto, spalmare la crema di ceci sulla crespella, aggiungere la verdura e chiudere.

et voilà il piatto è fatto, pronto per essere portato con voi al lavoro.

Pesto di di zucchine

Ode alle zucchine, io le adoro, secondo me sono estremamente versatili, noi a casa ne facciamo largo, larghissimo uso, si accosta bene con una miriade di sapori, poi questa ricetta può essere utilizzata in tanti modi e all’occorrenza anche surgelata e tenuta pronta per ogni evenienza.

volendo oltre agli ingredienti che ho elencato qui sotto si può aggiungere qualche foglia di basilico, ma purtroppo nonostante ami moto il sapore lo trovo veramente difficile da digerire, quindi in cucina ormai non ne uso quasi più!!!

INGREDIENTI

3\4 zucchine

1 manciata di mandorle

2 cucchiai di grana grattugiato

2 cucchiai di olio

1 pezzetto piccolo di cipolla (noi a casa ne usiamo pochissima)

PREPARAZIONE

Con una grattugia tagliere le zucchine fini, in una padella mettere a soffriggere la poca cipolla con un filo d’olio, aggiungere le zucchine, salare, pepare e saltarle in padella per una decina di minuti, quando saranno morbide metterle a raffreddare in uno scolapasta, in modo che l’acqua in eccesso venga eliminata.

Una volata che le zucchine si sono raffreddate in un frullatore frullare tutti gli ingredienti e il gioco è fatto, è un pesto molto versatile che si può usare per numerose cose, su dei crostini come antipasto per esempio, per condire la pasta.

Io in questo caso ho fatto saltare in padella una decina di gamberoni, già sgusciati, li ho sfumati con un po’ di vino bianco, ho condito la pasta con il pesto e ho adagiato sopra il piatto i gamberoni, è una ricetta che fa molta scena, ma in realtà è molto semplice da preparare.

Biscotti di avena, senza… grassi, burro e olio

Ma BUON ANNO…

E’ stato un inizio anno fantastico, siamo stati qualche giorno in montagna, c’era un sacco di neve e ci siamo divertiti proprio tanto. Siamo tornati da un paio di giorni, anche passare qualche giorno di vacanza a casa non è affatto male, ho sperimentato un sacco di ricette da condividere con voi, quindi preparate il blocco degli appunti.

L’altro pomeriggio quando siamo arrivati, dopo il viaggio, non avevo voglia di andare a fare la spesa, però non avevo nulla per la colazione del giorno dopo, quindi mi sono inventata dei biscotti con quello che avevo in casa, e devo dire che il risultato non è affatto male, sono anche velocissimi da fare.

Curiosi?

Ecco la ricetta….

INGREDIENTI

250 di fiocchi di avena

170 g di farina 00

100 ml di latte di mandorla

4 cucchiai di gocce di cioccolato

2 cucchiai di zucchero di canna

2 uova

8 g di lievito

PREPARAZIONE

Se volete frullare i fiocchi d’avena metteteli in un robot da cucina e impastate tutto li, ma si possono anche impastare semplicemente in una ciotola, dipende dal vostro gusto, se volete che i fiocchi di avena non si sentano troppo come consistenza nei biscotti è meglio frullarli un po’, io invece li ho lasciati piuttosto grossi.

Quindi in una ciotola mettere i fiocchi d’avena, la farina, lo zucchero di canna, le uova e mescolare molto bene, aggiungere il latte e continuare a mescolare, la consistenza deve essere piuttosto cremosa. Quando è tutto amalgamato bene aggiungere il lievito e le gocce di cioccolato.

Nel frattempo accendere il forno ventilato a 180°.

In una teglia rivestita di carta forno disporre il composto a cucchiai, abbastanza distanziati l’un l’altro, schiacciare leggermente il composto, in modo che assuma la forma di un biscotto, mettere in forno a 180° per circa 20/25 minuti,  prima di sfornarli controllate che  il contorno sia bello colorito e controllate che siano cotti in mezzo.

E il gioco è fatto, tempo di preparazione 10 minuti, con la cottura totale 30.

 

Pane lievito madre

IMG_1223

Sono state settimane veramente intense, poi il caldo, che quest’estate mi ha accontentata però mi ha tenuta un po’ lontana dalla cucina, devo essere sincera, ma con queste giornate secondo me è un delitto stare chiusi in casa, ne abbiamo approfittato per prendere il sole e fare qualche bagno in piscina, quando ce vo ce vo!!!!!
Nello stesso tempo però mi sentivo in colpa ad aver abbandonato Iolanda da sola, qualcosa dovevamo pur fare, quindi mi sono armata di coraggio, ed ho pensato con il caldo il lievito dovrebbe essere avvantaggiato.. quindi ho impastato il mio PANE!
Ed ecco il risultato…
PANE CON LIEVITO MADRE
Ingredienti

150 g di lievito
500 g di farina 0
300 g di acqua
2 cucchiaini di sape fino

Preparazione
Ora vi metto il procedimento passo passo, con gli orari, perché quando ho iniziato ad utilizzare la pasta madre capire le varie fasi e trasportarle in orari è la cosa che mi ha creato maggiori problemi…
H 6.30 ho tirato fuori Iolanda dal frigo
H 9.30 ho rinfrescato Iolanda, ho messo da parte 150 g di pasta madre in una ciotola coperta da pellicola trasparente, il resto l’ho rimesso nel barattolo per la prossima volta.
H 12.30 ho impastato il pane, ho sciolto il lievito con l’acqua in una ciotola aiutandomi con una forchetta, poi ho aggiunto la farina poco alla volta, trasferito tutto sul piano di lavoro infarinato ed ho continuato ad impastare, ho sparso sul piano il sale e l’ho incorporato così al panetto, continuando ad impastare. Quando ho ottenuto un impasto liscio e compatto ho messo il tutto a riposare e lievitare per 4 ore in una ciotola di coccio coperta da pellicola trasparente.
H 16.30 ho tolto l’impasto dalla ciotola, ho fatto le pieghe e ho dato forma al pane, ho trasferito il tutto su una teglia e ho lasciato riposare per un’altra ora.
h. 17.30 ho informato il pane, ma prima ho fatto un taglio verticale sulla pagnotta, che ho fatto cuocere per circa 15 minuti in forno già caldo a 250°, abbassate poi la temperatura a 200 °C e continuate la cottura per altri 30-40 minuti circa, io nel forno metto sempre una ciotola di acqua che durante la cottura evapora e non fa seccare troppo il pane.

Granita pompelmo rosa

Oggi mi aspetta un pomeriggio da casalinga disperata, quando sono scesa dal treno volevo andare a prendere un gelato prima di trasformarsi in “Valeria ordinet”, poi ho pensato che a casa avevo tutto il necessario per fare una fantastica granita ristoratrice, quindi eccomi qui a sorseggiare e a postare in diretta, direttissima la ricetta.

Ingredienti

1 pompelmo rosa

200 g di ghiaccio

50 g di zucchero o fruttosio

Preparazione

Pelare a vivo il pompelmo, abbiate l’accortezza di eliminare il più possibile la pellicola bianca, altrimenti la granita risulta amara.

In un frullatore potente mettere tutti gli ingredienti e frullare per 40/50 secondi a velocità massima.

 Servite subito

Semplice, pratico ed economico

Tartare salmone e avocado



Inn questi giorni il caldo si sta proprio facendo sentire, la mia voglia di cucinare è andata in vacanza in montagna, quindi ho dato il via a insalate miste come se non ci fosse un domani, ma oggi avevo voglia di qualcosa di un po’ diverso, poi questi sono due dei mie ingredienti preferiti, e insieme secondo me stanno divinamente.

Ingredienti
400 gr. di salmone fresco
2 avocado maturi
2 limoni o 4 lime
pepe e sale
olio extravergine di oliva;

Procedimento:

Pulire il salmone dalla pelle e dalle lische e tagliarlo a dadini abbastanza piccoli, in una ciotola condire con pepe, sale, olio e succo di limone (o lime), io lo lascio ad insaporire in frigo per una mezz’ora circa.

Nel frattempo sbucciare e pulire gli avocado, tagliate la polpa anch’essa a dadini, aggiungere il tutto al salmone precedentemente condito.
Trasferite il composto in un coppa pasta per dargli la graziosa forma a coppetta, irrorare ancora un po’ con olio e limone.

Spaghetti di segale ai frutti di mare

spaghetti frutti di mare integrali

Si lo so, lo so, non ho scuse, sono sparita, ma tutti gli anni questo periodo per me è delirante, il lavoro non si capisce come mai ha un picco di crescita, manco prendesse anabolizzanti, si sta fuori casa molto di più, quindi il tempo per scrivere si riduce a zero!!! e questi sono i risultati, anche se giuro cucino, magari cose fresche e leggere, perchè questa primavera assomiglia molto di più ad una estate!! fa già caldissimo e io sono molto molto contenta!!

Oggi è una domenica di quelle lente, ieri è stata una giornata campale, abbiamo portato Matteo in un parco divertimenti vicino a casa nostra, siamo arrivati a casa tutti cotti, quindi a letto come le galline, nonostante volessi stare sveglia per vedere la finale di Champions, vi confesso che avrei “gufato” 😛 , la mia fede non è bianco nera.

Comunque tutto questo per dirvi che questa mattina sveglia presto, fuori c’era un bel fresco perchè questa notte ha piovuto, i miei uomini sono in giro per casa a fare non so cosa e io finito di stirare mi sono messa a scrivere, era d’obbligo dedicare almeno una mezz’oretta al mio amatissimo blog…

Oggi  che ne dite se prepariamo degli spaghetti particolari perchè fatti con la farina di grano saraceno, ora li trovo facilmente al supermercato, una volta era più difficile trovare paste fatte con farine nuove.

Spaghetti ai frutti di mare

Ingredienti

400 g spaghetti
300 g di cozze
300 g di vongole
6 scampi
una manciata di gamberi
300 g di calamari
300 g di polpa di pomodoro
1 spicchio d’aglio
150 ml di vino bianco secco
olio extravergine
sale

Preparazione
Possibilmente prendete le cozze già pulite dal negozio, ma fate attenzione che non rimanga attaccato quel malefico filetto nero.
Io uso le vongole surgelate, altrimenti ci vuole molto più tempo e bisogna metterle a bagno ecc.
Quindi procedo così, mentre l’acqua bolle e preparo gli spaghetti, dopo aver fatto scongelare le vongole e le ho lasciate a scalare in uno scolapasta, lavo sotto l’acqua fredda tutti i “pesci”.
In una padella molto larga faccio scaldare un filo d’olio e metto a soffriggere l’aglio, metto nella padella i calamari puliti e tagliati a striscioline, cuocio per circa 10 minuti, aggiungo i gamberetti puliti e gli scampi e bagno tutto con il vino bianco, quando il vino è sfumato aggiungo la polpa di pomodoro. In ultimo aggiungo cozze e vongole.
Scolo gli spaghetti un paio di minuti prima della fine della cottura e li butto nel sugo che ho lascito un po’ lento e li faccio saltare in padella per il restante tempo di cottura degli spaghetti, li accompagno a tavola con un buon peperoncino tritato, in modo che chi ama il piccante possa essere accontentato, io non lo metto direttamente dentro alla pasta perchè non tutti lo gradiscono, soprattutto i bambini.
E anche questa domenica buon appetito amici!!!