Preparato per vin brulè – regali di natale

vin brule foto

Eccomi con un nuovo regalo di natale, questa volta parliamo del preparato per il vin brulè, molto usato in nord europa per scaldarsi, durante i lunghi inverni.

E’ un regalo originale, un po’ diverso dal solito, che secondo me farà piacere a molti.

Ingredienti

150 g di zucchero

2 cucchiaini di cannella il polvere

5 chiodi di garofano

1 pizzico di noce moscata

3 bacchi di ginepro

1 fiore di anice stellato

Preprazione

In una ciotola mescolare lo zucchero e tutti gli ingredienti, tranne l’anice stellato, in modo che gli ingredienti siano ben amalgamati, disporre il tutto in un barattolo, in alto mettere l’anice stellato, posto anche come decorazione, oltre che per dare sapore. Chiudere con il tappo, preparare una bella etichetta e regalare agli amici più goderecci, sicuramente apprezzeranno.

vi aspetto domani con l’ultimo regalo di natale per quest’anno anche quello super semplice da preparare, ma sempre utile.

Annunci

Tè di Natale – regali di natale handmade

 

tè di natale

Secondo regalo

Eccoci con la seconda puntata dei miei regali di natale, oggi vi propongo il mio tè di Natale, ha ingredienti che racchiudono tutto il profumo di natale.

Ingredienti

100 g di tè darjeeling

1 arancio BIO (della quale ci servirà solo la buccia)

2 cucchiaini di cannella

6 chiodi di garofano

Preparazione

E’ un regalo molto semplice da preparare, l’unica cosa impegnativa è preparare a scorza d’arancia.

Tagliare la buccia d’arancia, aiutandosi con un pela patate, disporla su una placca da forno rivestita di carta forno.

Accendere il forno a 50°, inserire la placca da forno e lasciare la buccia a seccare per due ore due oro e mezza,  al tatto la buccia deve essere ben secca, non umida.

Una volta pronta la buccia d’arancia mischiarla con gli altri ingredienti, il tè, la cannella e i chiodi di garofano.

Disporre nei vasetti ben lavati e soprattutto ben asciutti, il tè miscelato, preparare un etichetta carina e il gioco è fatto.

 

 

 

 

Gnocchi di zucca

IMG_1202.JPG

Come al solito io vado contro corrente, di solito i buoni propositi si fanno all’inizio dell’anno, io invece a dicembre mi metto d’impegno e riprendo in mano il mio blog, un po’ trascurato nell’ultimo periodo, ma mi piace così tanto costruirlo piano piano che la mancanza di tempo non deve essere una scusa valida.
Quindi coraggio, rimbocchiamoci le maniche e chiacchieriamo un po’, oggi è stata una domenica lenta, dopo due giorni un po’ caotici!
Matteo oggi non era in gran forma, e visto il freddo di questo weekend, abbiamo deciso di rimanere a casa, la mia domenica ideale, poi nel pomeriggio si è messo anche a nevicare, meglio di così, la domenica per me è bellissimo rimanere a casa, anche perchè è l’unico giorno che posso coccolare la mia famiglia preparando qualche piatto un po’ più elaborato, oggi ho deciso di fare gli gnocchi alla zucca e condirli semplicemente con burro e salvia, io adoro la zucca e se anche tu come me hai provato a mangiarla anche a colazione, ma questa è un altra storia, allora devi provare anche i miei gnocchi, paradisiaci, garantito… e ora al lavoro.

INGREDIENTI

1 kg di zucca
300 g di farina 00
1 uovo
parmigiano grattugiato
burro
sale
noce moscata
salvia

PREPARAZIONE
Cuocere la zucca al vapore, inserire la vaporiera in una pentola dopo aver aggiunto l’acqua, che deve arrivare fino a sfiorare il cestello della vaporiera ma non superarlo, da quando bolle ci vorranno circa 10 minuti, per vedere se è cotta infilzarla con la forchetta, deve essere morbida.
Schiacciare la zucca con la forchetta, impastare il purè ottenuto con la farina e l’uovo, regolare di sale e aggiungere una spolverata di noce moscata.
Il composto è pronto quando dopo averlo lavorato salgono delle bolle in superficie, se l’impasto dovesse diventare troppo duro aggiungere un po’ di latte.
Nel frattempo mettere a bollire una pentola con l’acqua, formare gli gnocchi aiutandosi con due cucchiai, formando delle piccole quenelle, quando gli gnocchi vengono a galla sono pronti e si possono condire a piacere, secondo me l’ideale è un condimento delicato che non compre il sapore della zucca.

Biscotti per cani home made

foto18.jpg

Natale uguale regali, ogni anno mi piace stupire parenti e amici con i regali, la maggior parte li acquisto, ma adoro accompagnare i regali con cose fatte da me, i mie preferiti sono i biscotti, ma in questo caso sono biscotti un po’ speciali, volevo sorprendere la mia amica preparando dei biscotti per il suo amico a 4 zampe, ho guardato un po’ nel web, mi sono fatta ispirare e questo è quello che ne è venuto fuori, spero che l’idea vi piaccia.
Ingredienti
300 g di farina 00
70 g di formaggio tipo fontina
25 g di parmigiano
80 g di mela precedentemente frullata
2 cucchiai di olio di oliva
3 cucchiai di acqua
Procedimento
Un una ciotola unire la farina, il formaggio il parmigiano, ed amalgamare, ora unire gli ingredienti umidi, la purea di mele, l’olio e l’acqua, mescolare energicamente fin che l’impasto non risulta omogeneo.
Su un piano infarinato stendere l’impasto con il mattarello e ritagliare delle formine a piacere.
Cuocere in forno per mezz’ora circa a 180°

Spaghetti di segale ai frutti di mare

spaghetti frutti di mare integrali

Si lo so, lo so, non ho scuse, sono sparita, ma tutti gli anni questo periodo per me è delirante, il lavoro non si capisce come mai ha un picco di crescita, manco prendesse anabolizzanti, si sta fuori casa molto di più, quindi il tempo per scrivere si riduce a zero!!! e questi sono i risultati, anche se giuro cucino, magari cose fresche e leggere, perchè questa primavera assomiglia molto di più ad una estate!! fa già caldissimo e io sono molto molto contenta!!

Oggi è una domenica di quelle lente, ieri è stata una giornata campale, abbiamo portato Matteo in un parco divertimenti vicino a casa nostra, siamo arrivati a casa tutti cotti, quindi a letto come le galline, nonostante volessi stare sveglia per vedere la finale di Champions, vi confesso che avrei “gufato” 😛 , la mia fede non è bianco nera.

Comunque tutto questo per dirvi che questa mattina sveglia presto, fuori c’era un bel fresco perchè questa notte ha piovuto, i miei uomini sono in giro per casa a fare non so cosa e io finito di stirare mi sono messa a scrivere, era d’obbligo dedicare almeno una mezz’oretta al mio amatissimo blog…

Oggi  che ne dite se prepariamo degli spaghetti particolari perchè fatti con la farina di grano saraceno, ora li trovo facilmente al supermercato, una volta era più difficile trovare paste fatte con farine nuove.

Spaghetti ai frutti di mare

Ingredienti

400 g spaghetti
300 g di cozze
300 g di vongole
6 scampi
una manciata di gamberi
300 g di calamari
300 g di polpa di pomodoro
1 spicchio d’aglio
150 ml di vino bianco secco
olio extravergine
sale

Preparazione
Possibilmente prendete le cozze già pulite dal negozio, ma fate attenzione che non rimanga attaccato quel malefico filetto nero.
Io uso le vongole surgelate, altrimenti ci vuole molto più tempo e bisogna metterle a bagno ecc.
Quindi procedo così, mentre l’acqua bolle e preparo gli spaghetti, dopo aver fatto scongelare le vongole e le ho lasciate a scalare in uno scolapasta, lavo sotto l’acqua fredda tutti i “pesci”.
In una padella molto larga faccio scaldare un filo d’olio e metto a soffriggere l’aglio, metto nella padella i calamari puliti e tagliati a striscioline, cuocio per circa 10 minuti, aggiungo i gamberetti puliti e gli scampi e bagno tutto con il vino bianco, quando il vino è sfumato aggiungo la polpa di pomodoro. In ultimo aggiungo cozze e vongole.
Scolo gli spaghetti un paio di minuti prima della fine della cottura e li butto nel sugo che ho lascito un po’ lento e li faccio saltare in padella per il restante tempo di cottura degli spaghetti, li accompagno a tavola con un buon peperoncino tritato, in modo che chi ama il piccante possa essere accontentato, io non lo metto direttamente dentro alla pasta perchè non tutti lo gradiscono, soprattutto i bambini.
E anche questa domenica buon appetito amici!!!

Corona di primavera e Buon compleanno Blog

corona di primavera

Eccoci ad un nuovo traguardo, DUE ANNI sono passati, e quest’anno voglio fare io un regalo a voi, questa ricetta riscuote sempre un successo “planetario”, poi è estremamente versatile, quando si invita qualcuno si  fa sempre una gran figura, la base è sempre quella, mentre il ripieno può essere modificato ogni volta,

Oggi per festeggiare due anni di blog e la primavera eccola ricetta della mia

CORONA DI PRIMAVERA

INGREDIENTI PASTA CHOUX O PASTA PER BIGNE’

250 g di acqua
100 g di burro
Un pizzico di sale
150 g di farina 00
4 uova grandi

PREPARAZIONE

in un casseruola mettete l’acqua, il sale, lo zucchero e il burro a dadini. Ponete il tutto sul fuoco e portate a ebollizione. Fuori dal fuoco aggiungete la farina, precedentemente setacciata, in un colpo solo e mescolate energicamente per amalgamare il tutto. Riportate sul fuoco e fate cuocere per un paio di minuti, il tempo necessario perché l’impasto si stacchi dalle pareti formando.
Fate intiepidire l’impasto, poi aggiungete un uovo alla volta, mescolando energicamente con un cucchiaio di legno fino a farlo amalgamare completamente prima di aggiungerne ancora. Mescolate bene fino a ottenere un composto liscio, omogeneo e semi-lucido.

la pasta choux è pronta

Mettere la pasta pronta in una sac a poche, in una teglia di 26 cm formare una ciambella, che durante la cottura si gonfierà, far cuocere 25 minuti a 180°, far raffreddare su una graticola, altrimenti rimane bagnata.

una volta fredda, non temente se si sgonfierà un po’ è normale, si può farcire

Ora passiamo alla farcitura,

per la crema pasticcera con il lattosio travate la ricetta qui

per la crema pasticcera senza lattosio trovate la ricetta qui

poi servono 5 grosse fragole e 3 cucchiai di gocce di cioccolato.

Ora componiamo “l’opera d’arte”.

Tagliare a metà la ciambella, spalmare tutta la base della ciambella con la crema pasticcera, guarnire con le fragole lavate e tagliate a fettine e le gocce di cioccolato.

Rimettere il coperchio e spolverare di zucchero a velo.

E… come si dice in questi casi… 100 di questi anni… e 100 di queste ricette ancora insieme!!! 🙂

 

 

Insalata della Vigilia e Auguri

img_1293

Ragazze, ce l’abbiamo fatta, è arrivata la vigilia e siamo sopravvissute anche quest’anno, finito di cucinare? Trucco, parrucco, tutto pronto per la cena della vigilia?, noi il natale ogni anno lo festeggiamo due volte, la vigilia con i miei suoceri e famiglia e il giorno di natale con i miei genitori, nonni, zii, cucini ecc… E via che si mangia… poi solitamente il 26 scappiamo in montagna, e riusciamo a preservarci da altri pranzi e cene.
E voi cosa fate per le feste??? Raccontatemi un po’…

ORA PERÒ VOLEVO FARE UN AUGURIO PARTICOLARE A TUTTE COLORO CHE IN QUESTO ANNO E MEZZO MI HA SEGUITO, LETTO, SUPPORTATO E AIUTATO.
GRAZIE A TUTTE E BUON NATALE..
ALLA PROSSIMA RICETTA!!!!!

INSALATA DELLA VIGILIA
Ingredienti

2 finocchi
1 avocado
1 pompelmo
300 g salmone affumicato
Sale e pepe
olio

Preparazione

Pulire, lavare e tagliare molto finemente i finocchi, pulire l’avocado, deve essere bello maturo, altrimenti risulta amaro, e tagliarlo a tocchetti.
Pulire anche il pompelmo, la pellicina bianca, che è la parte amara, va tolta completamente, se non riuscite a spelarlo, io ho tagliato la buccia a vivo, tagliare anche il salmone a pezzetti.
Mettere tutto in una ciotola e condire con sale pepe e olio.
Se è possibile fate l’insalata un paio di ore prima, in modo che tutti gli ingredienti possano assorbire un po’ del succo e del condimento.

Marmellata di arance

marmellata-arance

Cosa c’è di più natalizio delle arance, io direi nulla, infatti è proprio in questo periodo che io preparo la mia mitica marmellata di arance, figuratevi che piace anche al mio marito “criticone“, in questi giorni caotici e super freddi mi piace inondare la casa di profumi natalizi e questo è uno di quelli… i giorni scorsi abbiamo fatto i biscotti, la confettura di pere, oggi è la volta della marmellata di arance.

Ingredienti

1 kg di arance

500 g di zucchero

1 limone

1 mela

Preparazione

Pelare a vivo le arance, devono essere 1 kg dopo essere state pulite e pelate ben bene, ricordatevi anche di togliere gli eventuali noccioli, altrimenti la marmellata prende un gusto troppo amarognolo.

Tagliare gli spicchi delle arance a pezzi e metteteli a cuocere in una casseruola con lo zucchero, il succo di un limone e la mela pulita e tagliata a tocchetti (se dopo volete frullare il tutto potete anche lasciare la buccia, ricca di pectina che aiuta la marmellata ad addensarsi, altrimenti sbucciatela e provatela del torsolo), se il composto dovesse asciugarsi troppo e comincia ad attaccare nella casseruola aggiungere poca acqua alla volta.

Bisogna lasciare cuocere il tutto per 2\3 ore.

Quando la marmellata e pronta e densa al punto giusto, riempire i vasetti, fatti bollire precedentemente, fino all’orlo appena si toglie la marmellata dal fuoco, chiudeteli con il coperchio e capovolgeteli, così che siano sterilizzati anche i tappi, e il gioco è fatto.

Strufoli

img_1179

Il natale sta arrivando a grandi passi e io NON SONO PRONTA!
Troppe, troppissime cose da fare e troppo poco tempo, ma è talmente bello vedere la magia negli occhi di Matteo che vorrei allungare l’attesa solo per vedere e vivere ancora un po’ questa magia.
Devo essere sincera questa non è una mia ricetta, non è un dolce che io adoro, ma per dovere di cronaca va messo nell’elenco dei piatti di natale, visto che mia suocera durante questo periodo inizia la produzione e non smette fino alla befana, un pomeriggio l’ho preparato con lei ed ecco il risultato.

Ingredienti
600 gr di farina 00
4 Uova + 1 tuorlo
2 cucchiai zucchero
burro 80 gr
1 bicchierino di limoncello o rum,
Scorza di mezzo limone grattugiata
Un pizzico di sale
olio per friggere
Per condire
Miele 400 gr
noci

Preparazione
In questo caso la planetaria o un robot da cucina un po’ potente farebbero proprio al caso nostro, bisogna impastare la farina, le uova, il burro, lo zucchero, la scorza di limone, il rum o il limoncello e un po’ di sale.
Ottenuto un composto omogeneo, formare una palla e farla riposare mezz’ora. Una volta che ha riposato dividerla in palline grandi come arance, da cui ricavare delle striscioline spesse come un dito; tagliatele a tocchettini che disporrete senza sovrapporli su un telo infarinato.
Al momento di friggerli, porli in un setaccio e scuoterli in modo da eliminare la farina in eccesso.
Friggeteli pochi alla volta in abbondante olio bollente: prelevateli gonfi e dorati, non particolarmente coloriti. Sgocciolateli e depositateli ad asciugare su carta assorbente da cucina.
Fate sciogliere il miele a bagnomaria in una pentola abbastanza capiente, toglitela dal fuoco e unite gli struffoli fritti, rimescolando delicatamente fino a quando non si siano bene impregnati di miele. Versare quindi le noci precedentemente sgusciate e spaccate in piccoli pezzi.