BISCOTTI DI NATALE PER SPARABISCOTTI

biscotti natale11

manca un mese a natale, che ne dite di entrare in anticipo nell’atmosfera e questo weekend preparare i biscotti, questa ricetta è un po’ speciale, perchè è pensata per la spara-biscotti, ma una volta acquistata la spara-biscotti, ormai si trova in qualsiasi negozio di casalinghi, il risultato è assicurato, potrete divertirvi anche con i vostri bimbi a sparare biscotti su ogni teglia libera della cucina.

Noi a casa ci divertiamo un sacco quando li facciamo!!!

quindi buon divertimento…

Ingredineti

1 versione

300 g di farina

200 g di burro morbido

20 g fecola di patate

1 uovo

1 pizzico di sale

Scorza di limone

Vanilina

2 versione

300 g di farina

200 g di burro morbido

20 g cacao

1 uovo

Scorza di limone

 

3 versione

300 g di farina

200 g di burro morbido

50 g farina di cocco

1 uovo

Scorza di limone

 

4 versione

300 g di farina

200 g di burro morbido

5 g cannella

1 uovo

Scorza di limone

 

Montare il burro con lo zucchero, poi aggiungere tutti gli ingredienti nel robot da cucina e mescolare bene, seguire la ricetta delle diverse varianti, io solitamente le preparo tutte e quattro e poi “sparo con la mia spara biscotti, ricordatevi che per sparare con la spara biscotti il burro deve essere morbido e anche l’impasto deve essere piuttosto morbido. Metteteli direttamente sulla teglia del forno, se usate la carta forno i biscotti non attaccano e viene un gran pasticcio, parlo per esperienza.

Questi biscotti sono molto divertenti da fare anche con i bambini, un accorgimento però, se decidete di farli con i bambini aggiungete un ingrediente importantissimo, la pazienza!!!

Annunci

Plumcake d’autunno funghi e speck

IMG_1133b

Oggi vi scrivo direttamente dal mio divano, sono le 20.30, Matteo è concentrato sui suoi cartoni animati preferiti e io avvolta nella mia morbidissima coperta di pile sono praticamente in letargo, io non questo periodo, quando inizia a fare veramente freddo, mi blocco, non ho più voglia di fare niente, andrei dormire e mi risveglierei solo a Natale, come fa Orso nel cartone animato Masha e Orso.

Per fortuna devo comunque cucinare per sfamare i miei uomini, altrimenti anche il blog andrebbe in letargo con me.

Di questo plumcake sono giusto riuscita a fare due foto, prima che finisse, tra l’altro la ricetta dell’impasto è talmente versatile che si adatta a qualsiasi condimento, formaggio, olive, prosciutto, verdure varie, ecc..

scopriamolo insieme

Ingredienti

3 uova

150 g farina

100 ml olio

100 ml di latte di soia

100 g speck

100 g funghi porcini (vanno bene anche quelli surgelati)

1 bustina di lievito istantaneo per torte salate io uso questo qui (LINK)

Preparazione

Tagliare lo speck a dadini, scaldare il latte con l’olio, deve essere tiepido, non deve bollire.

Mettere tutti gli ingredienti, tranne lo speck e i funghi, nel robot da cucina e amalgamare bene .

Ungere una teglia da plumcake e versarci metà del composto, cospargere lo speck e i funghi e versarci sopra l’altra metà del composto.

Cuocere in forno a 180° per circa 35\40 minuti e il gioco è fatto

Viaggio nel mondo – Italia – PIADAPIZZA

foto9

Ecco come promesso le ricette dal Mondo!!!

Ovviamente iniziamo con l’italia, come vi avevo accennato nell’articolo sull’expo (che trovate qui), le ricette tratte dal libro IN VIAGGIO CON BIMBY, ovviamente ogni ricetta poi io la modifico e la allineo ai miei gusti e a quelli della mia famiglia, ad esempio qui per la piadina utilizzano lo strutto, cosa che io non farò mai, visto che ho trovato una ricetta con l’olio extravergine, che è sicuramente degna di nota.

quindi cominciamo il mostro giro del mondo, sono tutte ricette pensate per il bimby (secondo me insostituibile aiuto in cucina) ma io ve le proporrò in versione “normale”.

ITALIA

PIADAPIZZA

Ingredienti

300 g farina (si può usare qualsiasi tipo di farina, vengono bene comunque, io ho provato a farle anche con la farina di farro e trovate la ricetta qui)

165 ml acqua tiepida

30 g olio extravergine di oliva

una punta di un cucchiaino di bicarbonato

1 cucchiaino di sale

per il condimento

200 g di olive verdi denocciolate

400 g mozzarella

300 g pomodorini pachino

Procedimento

In una ciotola unire ed amalgamare le farine e il sale. In un’altro contenitore mettere l’acqua tiepida, il bicarbonato e l’olio di oliva. Unire la farina all’acqua e lavorare il tutto per un 15 minuti, fino ad ottenere un composto omogeneo.

Fare una palla con il composto e lasciarla riposare per 30 minuti. Dividere il composto in 4 parti uguali, spolverizzare il tavolo di lavoro con la farina e stendere le piadine con il matterello ottenendo sfoglie sottili. distribuite su ogni piadina una spennellata di olio, poi arrotolate la piadina in un rotolo stretto, prendete le due estremità e portatele al centro  della piadina e ripiegatele.

Lasciate riposare per una decina di minuti e infarinando nuovamente il piano e il mattarello stendete le piadine e cuocete in pentola caldissima un paio di minuti girandole.

Tritare le olive finemente, con un coltello o con il mixer, tagliare la mozzarella a dadini e i pomodori a spicchi.

Disporre le piadine precedentemente cotte sulla placca del forno, condirle con il trito di olive e la mozzarella, e cuocere in forno grill a 250° per 5 minuti, quando la mozzarella sarà ben sciolta togliere dal forno, disporvi sopra i pomodorini e gustatele ben calde.

UNA BLOGGER AL MESE – Via delle rose

patrizia miceli

CARTA D’IDENTITÀ

Nome blog: Via delle rose

link: http://myviadellerose.com/

Nome Blogger: Patrizia Miceli

Età: 56

Professione: Addetta alla tracciabilità e qualità di prodotti alimentari

Segni particolari:nessuno

INTERVISTA

  1. Se fossi un piatto, quale pietanza saresti?

in questo periodo mi sento  Un risotto classico

  1. Ci racconti com’è nata l’idea di aprire un blog di cucina?

Sarebbe scontato dire che ho aperto il mio blog per usarlo come quaderno delle mie preparazioni come più o meno si legge dappertutto, in realtà é stato per poter comunicare in italiano e con l’Italia, dopo aver scoperto internet e questo mezzo virtuale condividendo anche i miei pensieri e la mia cucina.

  1. Da chi hai ereditato questa passione?

Dalle due nonne, quella materna che ho conosciuto pochissimo e che aveva un ristorante di cui ricordo perfettamente la cucina e gli odori, dalla nonna paterna con la quale ho vissuto fino alla mia età di 11 anni che mi ha guidato e suggerito piatti da cucinare per tutta la famiglia, poiché mia mamma lavorava.

  1. Cosa vuol dire essere foodblogger?

Essere appassionati di cibo, stare tante ore in cucina a pasticciare a fotografare e a scrivere le proprie emozioni sul pc…..e sperare che qualcuno dall’altra parte ti legga e trovi la propria creatività 😉

  1. Chi è il tuo chef preferito?

non c’é ne uno che mi piace piu’ di un’altro, tutti quelli che conosco famosi mi piace prenderne esempio e ispirazioni per aggiungere o sperimentare un ingrediente nella mia cucina non elaborata con ingredienti di stagione e particolarmente vegetariana, per citarne uno, comunque, Yotam Ottolenghi

  1. Qual è il tuo ingrediente segreto?

Nessun ingrediente segreto, cerco di individuare le inclinzioni dei miei invitati per portare in tavola piatti allegri e mai uguali.

  1. Qual è il tuto ingrediente preferito?

a secondo delle stagioni, posso dartene 4, i funghi porcini, le cipolle di Tropea, i pomodori, le patate.

  1. Qual è il tuo piatto preferito ?

La parmigiana di melanzane quella di mamma, in assoluto!

  1. Il tuo libro o film preferito che abbia come argomento la cucina?

Cioccolato

  1. Da dove prendi l’ispirazione per le tue ricette?

da quello che ho in frigo

  1. Qual è la cosa che più ti affascina dell’arte culinaria?

riuscire a mescolare ingredienti che apparentemente non hanno nulla in comune e stupire i palati.

  1. Cucinare per te è?

Offrire un buon cibo divertendomi

  1. Qual è la ricetta che fa più spesso?

Patate al forno

  1. Quale quella che non riesce mai?

La ciambella di mamma, non riesco a farla mai uguale alla sua.

  1. Quale consiglio daresti ad un foodblogger in erba?

Negli ultimi tempi nascono blog già ben fatti con ricette sempre più innovative  e anche ben fotografate, io ho iniziato inespertissima e via via  appassionandomi di più e  migliorandomi soprattutto nella fotografia, non credo di essere in grado di dare consigli, l’unica cosa che posso dire, poiché io faccio così, di divertirsi, di non cercare la fama, di restare con la propria identità sempre e non lasciarsi coinvolgere da inutili proposte da parte di aziende che vogliono sfruttare le bloggers esclusivamente per i loro fini.

che coincidenza.. oggi sul sito del Corriere della Sera è uscito un articolo che parla di Patrizia, se volete imparare a conoscerla ancora meglio ecco il link:

http://cake.corriere.it/2015/11/09/patrizia-miceli-le-spezie-preziose-alleate-nei-dolci/?refresh_ce-cp

VERZA GUSTOSA

SDC10087b

Far mangiare la verdura a casa mia è una vera impresa, io ci soffro molto perché io invece le adoro tutte o quasi, quindi mi devo inventare sempre qualcosa di nuovo.

ecco che sono nate le verze gustose.

Ingredienti

1 verza piccola

2 patate

200 g formaggio tipo latteria

200 g prosciutto cotto

grana grattugiato

sale

Preparazione

Sbollentare le verze per qualche minuto in acqua bollente, scolarle bene, cuocere le patate, e schiacciarle con lo schiaccia patate o con una forchetta, salarle. Tagliare il prosciutto a striscioline e il formaggio a dadini e riempire le foglie di verza con gli ingredienti e chiudere le foglie a pacchettino. sistemarle in una teglia capiente e spolverale con il grana grattugiato.

Gratinare in forno con la funzione ventilato e grill per circa 30 minuti.

Io di questa ricetta faccio mille varianti, solo verdura (vagane), solo formaggio, con la carne e cotte in padella con il sugo.. diciamo che si presta a far scatenare la fantasia della cuoca che c’è in voi!!!


PROPRIETÀ DEGLI ALIMENTI

Verza

la verza è ottima per tenere sotto controllo il colesterolo, facilita la digestione del cibo.

secondo la ricerca moderna, tipi e colori diversi di verza contengono una sostanza, chiamata sinigrina, nota come componente chiave nei piani di prevenzione del cancro. È opportuno ricordare inoltre che tutti i tipi di cavolo hanno proprietà antinfiammatorie e capacità di ridurre il colesterolo. La verza facilita una corretta digestione e regola la pressione, in questo modo diventa benefica anche per il cuore;

Ultimi ma non meno importante sono i suoi benefici per la pelle: questo vegetale ha proprietà anti – invecchiamento.