Spaghetti di segale ai frutti di mare

spaghetti frutti di mare integrali

Si lo so, lo so, non ho scuse, sono sparita, ma tutti gli anni questo periodo per me è delirante, il lavoro non si capisce come mai ha un picco di crescita, manco prendesse anabolizzanti, si sta fuori casa molto di più, quindi il tempo per scrivere si riduce a zero!!! e questi sono i risultati, anche se giuro cucino, magari cose fresche e leggere, perchè questa primavera assomiglia molto di più ad una estate!! fa già caldissimo e io sono molto molto contenta!!

Oggi è una domenica di quelle lente, ieri è stata una giornata campale, abbiamo portato Matteo in un parco divertimenti vicino a casa nostra, siamo arrivati a casa tutti cotti, quindi a letto come le galline, nonostante volessi stare sveglia per vedere la finale di Champions, vi confesso che avrei “gufato” 😛 , la mia fede non è bianco nera.

Comunque tutto questo per dirvi che questa mattina sveglia presto, fuori c’era un bel fresco perchè questa notte ha piovuto, i miei uomini sono in giro per casa a fare non so cosa e io finito di stirare mi sono messa a scrivere, era d’obbligo dedicare almeno una mezz’oretta al mio amatissimo blog…

Oggi  che ne dite se prepariamo degli spaghetti particolari perchè fatti con la farina di grano saraceno, ora li trovo facilmente al supermercato, una volta era più difficile trovare paste fatte con farine nuove.

Spaghetti ai frutti di mare

Ingredienti

400 g spaghetti
300 g di cozze
300 g di vongole
6 scampi
una manciata di gamberi
300 g di calamari
300 g di polpa di pomodoro
1 spicchio d’aglio
150 ml di vino bianco secco
olio extravergine
sale

Preparazione
Possibilmente prendete le cozze già pulite dal negozio, ma fate attenzione che non rimanga attaccato quel malefico filetto nero.
Io uso le vongole surgelate, altrimenti ci vuole molto più tempo e bisogna metterle a bagno ecc.
Quindi procedo così, mentre l’acqua bolle e preparo gli spaghetti, dopo aver fatto scongelare le vongole e le ho lasciate a scalare in uno scolapasta, lavo sotto l’acqua fredda tutti i “pesci”.
In una padella molto larga faccio scaldare un filo d’olio e metto a soffriggere l’aglio, metto nella padella i calamari puliti e tagliati a striscioline, cuocio per circa 10 minuti, aggiungo i gamberetti puliti e gli scampi e bagno tutto con il vino bianco, quando il vino è sfumato aggiungo la polpa di pomodoro. In ultimo aggiungo cozze e vongole.
Scolo gli spaghetti un paio di minuti prima della fine della cottura e li butto nel sugo che ho lascito un po’ lento e li faccio saltare in padella per il restante tempo di cottura degli spaghetti, li accompagno a tavola con un buon peperoncino tritato, in modo che chi ama il piccante possa essere accontentato, io non lo metto direttamente dentro alla pasta perchè non tutti lo gradiscono, soprattutto i bambini.
E anche questa domenica buon appetito amici!!!

Zuppa d’orzo

IMG_1231

Questa ricetta è la mia coccola, quando la vita si accanisce e arrivo a casa la sera dopo una settimana interminabile mi cucino questa zuppa e mi lascio tutto alle spalle, anche questa è una ricetta che mi faceva sempre la mia mamma.

Mi sembra perfettamente adatta in questo periodo, visto che di giorno si comincia già ad avere molto caldo, ma poi la sera l’aria si rinfresca molto… ma procediamo con la ricetta, ho già l’acquolina in bocca, mentre vi scrivo la zuppa sta cuocendo sul fornello, e sento già il profumo.

Ingredienti

1 carota a pezzetti

1 sedano piccolo

2 o 3 fogli di cipolla

2 patate piccole

300 g di orzo

100 g di pancetta dolce

sale

pepe

1 cucchiaino di rosmarino secco

700 ml di acqua

Preparazione

Sciacquare bene l’orzo sotto l’acqua corrente, nella pentola con i bordi alti, mettere le verdure tagliate finemente, tranne le patate che vanno bene anche a tocchetti un pochino più grossi, aggiungere i condimenti, sale pepe e rosmarino e l’acqua, la pancetta  e aggiungere in fine l’orzo e far cuocere circa 30 minuti, assicurarsi che durante la cottura l’acqua non si asciughi troppo.

servire nei piatti molto calda!!! buon appetito e buon weekend amici…

I fusilli della mia mamma

 

img_1116

Questo piatto mi fa una grande tenerezza, mi ricorda quand’ero ragazza e abitavo ancora con i miei genitori, Mia mamma lo faceva spesso, io lo ripropongo anche ai nostri amici e devo dire che ha sempre un discreto successo.

Ingredienti

350 g di fusilli

200 g filetto di salmone fresco

100 g di piselli

1 confezione di panna vegetale

1 bustina di zafferano

olio

sale

Preparazione

In una pentola capiente mettere a bollire l’acqua per la pasta, nel frattempo in una padella con un filo d’olio cuocere il salmone tagliato a tocchetti, privato della pelle e delle lische, aggiungere i piselli, quando il tutto inizia a prendere colore aggiungere la panna vegetale, lo zafferano e salare, cuocere ancora qualche minuto, fin che la panna non si raddensa un po’, cuocere la pasta, scolarla e versarla direttamente nella padella con il sugo.

servire e buon appetito!!!

Canederli

canederli

Di ritorno da qualche giorno in Trentino non posso che non mettervi una ricetta a tema, in albergo li abbiamo provati con il sugo di pomodoro o al burro fuso, però dopo i bagordi di questa settimana ho voluto riproporli a casa in brodo un po’ per alleviare il senso di colpa un po’ per depurarci, ma vi assicuro che erano buoni lo stesso.

Ingredienti

500 g di pane raffermo

100 ml di latte (per gli intolleranti al lattosio il pane può essere ammollato con il brodo o latte vegetale)

40 g di porro

200 g di speck tagliato a dadini

3 uova

2 cucchiai di farina

1 mazzetto di prezzemolo

Sale

Brodo

Olio evo

Preparazione

Innanzi tutto bisogna ammollare il pane spezzettato, valutate voi quanto liquido richiede, non si deve spappolare, rosolare il porro con un filo di olio, nella ciotola del pane ammollato aggiungere il porro rosolato, il prezzemolo tritato, lo speck, le uova e il sale.

Quando è tutto ben amalgamato, l’impasto deve essere abbastanza conpatto, perché non deve disgregarsi quando viene immerso nel brodo, si formano delle palline grosse come dei mandarini.

I canederli vanno cotti nel brodo bollente per circa 15 minuti.

Una volta cotti si mangiano in mille modi, direttamente in brodo, asciutti conditi con burro fuso e grana, con un leggero sughetto di pomodoro, come accompagnamento di un secondo tipo spezzatino.

PIZZOCHERI ALLA ZUCCA

pizzoccheri zucca

Sabato sera sono venuti dei nostri amici a cena, l’idea iniziale era quella di fare la paella, ma alla mia amica ho scoperto all’ultimo momento che la paella non piace, quindi mi sono inventata questa pasta, credo e spero sfiziosa, ci tenevo a proporre qualche cosa di gusto autunnale ed un po’ nuova.

Ingredienti

400 g di pasta tipo pizzoccheri

400 g di zucca

350 g di salsiccia

250 g formaggio tipo latteria

1 bicchiere di vino bianco

olio

sale

pepe

Preparazione

Pulire la zucca e tagliarla a dadini, togliere la salsiccia dal budello, e tagliare il formaggio a dadini.

In una padella larga mettere a cuocere la zucca con un filo d’olio, passati un paio di minuti aggiungere la salsiccia, quando la salsiccia è ben rosolata sfumare con il bicchiere di vino, salare e aggiungere il pepe, cuocere ancora per circa 10 minuti, intanto in una pentola di acqua bollente cuocere i pizzoccheri. A cottura ultimata scolare e saltare in padella con la zucca e la salsiccia per un paio di minuti, dopo aver aggiunto il formaggio, che a questo punto si dovrebbe sciogliere un po’.

Volendo si può spolverare con del grana grattugiato, ma questo va a gusti.

E buon appetito!!!!!!


ANGOLO PROPRIETÀ DEGLI ALIMENTI

Le proprietà della zucca sono diverse, a cominciare dalla polpa che contiene diversi principi attivi in particolare modo carotenoidi, ma anche mucillagini e sostanze pectiche.  Anche i semi hanno la loro importanza perché in essi è possibile trovare fitosteroli, olii grassi, melene e fitolecitina. Inoltre dai semi di zucca freschi pestati si estrae un olio scuro mentre, tostati e salati, vengono serviti come “stuzzichini” insieme all’aperitivo. Essi hanno anche una funzione medicamentosa, infatti sono molto indicati per combattere la tenia echinococco (verme solitario).  L’uso dei semi come vermifugo è da tempo conosciuto, generalmente ben tollerato e privo di controindicazioni. Ma non è solo questa la loro funzione positiva, infatti i semi della zucca sono anche in grado di alleviare le infiammazioni della pelle e di prevenire le disfunzioni delle vie urinarie. La polpa e il succo della zucca spesso vengono utilizzati come diuretici e gli specialisti consigliano di bere un bicchiere di succo la mattina a digiuno. Da essa inoltre si ricava un estratto che, mischiato al latte, è molto indicato per i disturbi gastrici e le patologie della prostata.

SUGO DI POMODORO al microonde – le ricette furbe –

IMG_1017b

Questa è una ricetta “salva vita”, in questi giorni io e Matteo stiamo facendo l’inserimento all’asilo, che fatica, comunque arriva a casa a mezzogiorno che non so se ha più sonno o più fame, quindi mi devo sbrigare a preparare da mangiare, l’altro giorno non c’era nulla di pronto, ovviamente essendo a casa in questi giorni sto cercando di fare tutti qui lavoretti che rimando da troppo tempo! e ho perso la cognizione del tempo, ops!!!! ma ho rimediato e la pancia siamo riusciti a riempirla anche oggi!!

Questa è una di quelle che io chiamo ricette furbe, perchè intanto che cuoce la pasta il sugo è pronto.

Ingredienti

una fettina di cipolla o scalogno

1 cucchiaio di olio EVO

205 g di polpa di pomodoro

3\4 foglie di basilico

sale

Preparazione

Prendere una pentola adatta al microonde, mettere l’olio e la cipolla e far soffriggere un minuto alla massima potenza del microonde, in fine versare nella padella il sugo di pomodoro, le foglie di basilico e salare, far cuocere alla massima potenza per 8 minuti e il sugo è pronto!!!

Certo non è una ricetta molto elaborata, ma vi assicuro che il risultato è lo stesso della cottura sul fornello, ma i tempi sono dimezzati, poi ogni tanto mi viene proprio voglia di un semplice sugo di pomodoro. Ovviamente la ricetta può essere modificata e arricchita a vostro piacere, magari con tonno, pancetta, peperoncino ecc.

spero che anche questa volta la ricetta vi piaccia.

RISOTTO DI MARE

IMG_0943b

La voglia di mare e di vacanza ormai è alle stelle, ormai sto contando non i giorni ma addirittura le ore.. no scherzo però quest’anno ne abbiamo proprio bisogno.

Quindi ieri sera avevo voglia di mangiare e quindi di cucinare il pesce, ho proposto un risotto di mare e la proposta è stata accettata con entusiasmo.

RISOTTO DI MARE

150 g di vongole

250 g di cozze

150 g di gamberoni

150 g di calamari

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 l di  brodo vegetale

1 mazzetto di prezzemolo

1 spicchio di aglio

50 ml di vino bianco secco

250 g di riso

Sale

PREPARAZIONE

Pulire accuratamente cozze e vongole, metterle in una grossa pentola a fuoco vivo e aspettare che si aprano, quando sono tutte aperte sgusciarle e metterle da parte, il liquido che si è formato nella pentola filtrarlo ed utilizzarlo per insaporire il risotto. Pulire i gamberoni e cuocerli con un filo di olio per 5 minuti e mettere da parte. Mettere il brodo a scaldare in un pentolino a parte, che rimarrà sul fuoco per tutto il tempo della cottura del riso. In una pentola mettere l’olio, l’aglio e farlo dorare, senza lasciarlo bruciare, unire il riso farlo tostare per un minuto fintanto che non diventa lucido, unire  il vino e farlo sfumare. Aggiungere 2-3 mestoli di brodo e i calamari, mescolare di tanto in tanto, continuare unendo il brodo man mano che viene assorbito, aggiungendo anche il liquido di cottura delle cozze poco per volta fino ad esaurimento.

5 minuti prima della fine del tempo di cottura del riso (regolatevi a seconda del tipo di riso utilizzato), regolare di sale, unire i gamberoni, le cozze,  le vongole, i calamari  e il prezzemolo tritato (lasciarne un cucchiaio per guarnire), lasciare riposare un paio di minuti e servire con il prezzemolo tritato.

INSALATA DI RISO RIVISITATA

20150604_191347b

Per me estate è uguale ad insalata di riso, piatto che mio marito adora, ricordo ancora la prima volta che l’abbiamo cucinata insieme al mare, la nostra prima vacanza insieme, ricordo anche che ci mancava un ingrediente e siamo usciti insieme a comprarlo, ma ci aveva sorpreso un temporale fortissimo e siamo arrivati a casa fradici.

Lasciamo perdere i ricordi, altrimenti mi commuovo!!!!!

Torniamo alla nostra

INSALATA DI RISO RIVISITATA

L’altra sera mi sono rifiutata di proporre la solita insalata di riso, aprendo il condiriso e le scatolette di tonno, in primis perché volevo sperimentare e mangiare qualcosa di meglio, in più mi sono accorta che da quando c’è Matteo sto molto più attenta a ciò che cucino, preferisco fare in casa io piuttosto che comperare oli di palma e conservanti vari al supermercato, in più mi diverto.. quindi cosa c’è di meglio?

ottimo da portare anche il giorno dopo al lavoro, la mia schiscetta!!!

INGREDIENTI

300 G di riso ribe

1 fetta di salmone

100 g di vongole

100 g di gamberi già sgusciati

50 g di surimi (anche se so che non è il massimo)

150 g di olive nere

2 cucchiai di capperi

1 spicchio di aglio

3 pomodori

3-4 foglie di basilico

Olio

Sale

PREPARAZIONE

Far cuocere il riso in abbondante acqua salata per circa 15 minuti, intanto in una padella antiaderente far scaldare un goccio di olio con uno spicchio di aglio, una volta che l’olio è ben caldo far saltare il salmone tagliato a cubetti e privato della pelle e della lisca centrale, dopo un paio di minuti aggiungere le vongole e i gamberetti e far insaporire in padella per 5 minuti. Far raffreddare, intanto scolare il riso e passarlo sotto il getto di acqua fredda in modo da fermare la cottura.

Quando tutto sarà ben freddo mischiare gli ingredienti cotti e aggiungere il surimi, le olive, i capperi, i pomodori tagliati a tocchetti, il basilico e condire con olio e sale.

Lasciare in frigo per un oretta e gustare possibilmente su una terrazza vista mare!!!!


Angolo proprietà degli alimenti

SALMONE

Il salmone ha molte proprietà benefiche, sia che venga consumato fresco, sia affumicato.

Cucinare il salmone significa assicurarsi delle ottime proprietà nutrizionali, con un apporto di calorie, che si rivela non affatto dannoso, nemmeno quando si segue un regime alimentare ipocalorico. Questo pesce è ricco di omega 3, che possono essere considerati dei veri e propri alleati per la nostra salute. Riescono ad abbassare il livello del colesterolo, incidono positivamente sul rallentamento dell’invecchiamento, prevengono i tumori e aiutano a combattere l’osteoporosi.

SPATZLES DI ZUCCHINE

foto1

Oggi il treno procede lento, c’è una pace surreale, e vorrei continuare a viaggiare senza fermarmi a Milano, proseguire, godendomi la pioggia che cade fuori e il tepore nella carrozza.

Stranamente questa mattina il vagone è vuoto è c’è un silenzio tutto da godere, fossero tutti così i viaggi.

Intanto penso e studio nuove ricette per questa nuova avventura che mi sta entusiasmando e piacendo un sacco.

Sicuramente in una giornata come questa se fossi stata a casa avrei cucinato gli spatzles di zucchine, ricetta che fa felici grandi e piccoli.

SPATZLES DI ZUCCHINE

Ingredienti
800 g zucchine
100 g Parmigiano
250 g farina
2 uova
1 scalogno
20 g olio
q.b. latte
q.b. sale

Preparazione
Tagliare le zucchine a julienne sottili e far saltare in padella con un po’ di olio e lo scalogno tagliato sottilissimo, (io ho usato il preparato che faccio per il soffritto, carota cipolla e sedano, che poi surgelo e tengo pronto per ogni occasione) nella cottura si deve sciogliere. Le zucchine devono cuocere circa 15 minuti, a cottura ultimata lasciar raffreddare e far colare tutta l’acqua.

Una volta che le zucchine sono fredde aggiungere le uova la farina e il parmigiano amalgamare bene il tutto, deve rimanere una pastella morbida, se dovesse rimanere troppo denso aggiungere un goccio di latte. Lasciar raffreddare in frigo per una mezz’ora, nel frattempo prendere una pentola capiente e portare ad ebollizione l’acqua. Usare l’apposito attrezzo per formare gli spatzles direttamente sulla padella con l’acqua salata che bolle, appena affiorano sono pronti e vanno tolti dalla pentola con una schiumarola.
Si possono condire a piacere, ad esempio con un sugo di panna e speck, semplicemente con burro e parmigiano, al sugo di pomodoro… ecc

Io li preferisco con il burro fuso e il grana, ma sono gusti!!

Angolo proprietà degli alimenti

ZUCCHINA

Hanno un contenuto ridottissimo di calorie, il che le rende particolarmente adatte nelle diete ipocaloriche. Sono povere di sale, rinfrescanti e facilmente digeribili. Le loro caratteristiche, le rendono particolarmente adatte anche nella prima infanzia; le zucchine, infatti, sono tra i primissimi alimenti ad essere introdotti durante lo svezzamento dei neonati. Tra i nutrienti, contengono soprattutto potassio; contengono, inoltre, acido folico, vitamina E e vitamina C.
Le zucchine sono diuretiche e aiutano a contrastare i problemi delle vie urinarie; sono valide alleate di chi soffre di infiammazione intestinale; sono molto utili in caso di stitichezza. Alle zucchine vengono, inoltre, riconosciute proprietà rilassanti e calmanti.