Zucchine tonde ripiene

zucchine tonde ripiene.JPG

Ben venuta primavera, finalmente sono tornate le zucchine, quelle nuove dolci, a casa nostra ne mangiamo una gran quantità.
In questo periodo di trovano anche quelle tonde, che incuriosiscono tanto i bambini, si prestano perfettamente ad essere riempite, qui si può scatenare la fantasia, io le faccio in molteplici modi, oggi vi propongo questo un po’ diverso dal solito, ma altrettanto gustoso.
Ingredienti
4 zucchine tonde
2 patate
200 g piselli
200 g prosciutto cotto
100 g formaggio a fette
olio Evo
sale
scalogno
Preparazione
Tagliare il coperchio delle zucchine, scavare l’interno con un cucchiaino, in una padella mettere l’olio, lo scalogno l’interno delle zucchine tritato finemente e i piselli, e far appassire il tutto, cuocere le patate in acqua, fin quando infilando la forchetta non sembrano cotte.
Amalgamare il composto cotto in padella con le patate e il prosciutto tagliato a dadini e riempire le zucchine, guarnire con una fetta di formaggio a piacere, volendo qualche pezzettino di formaggio si può anche mettere nel composto.
Cuocere le zucchine 20 minuti in forno a 180° e il gioco e fatto.

 

 

Annunci

Polpette di quinoa

IMG_0930

Oggi sperimentiamo, questa sera verrà a cena una mia amica che è diventata da poco vegana, quindi volevo cucinare qualcosa di un po’ diverso e devo dire che il risultato mi soddisfa molto.

Ingredienti

250 g di quinoa

100 g di piselli

100 g di carote

1 patata grossa

1\2 scalogno

1 cucchiaino di dado vegetale

20 g di olio evo

1 cucchiaino di curry

acqua

Preparazione

tritare finemente carota e scalogno, in una padella dai bordi bassi mettere l’olio e cuocere la carota, lo scalogno e i piselli, aggiungendo il dado, nel frattempo sciacquare benissimo la quinoa e cuocerla in abbondante acqua  salata, per circa 20 minuti, lessare anche la patata (che ho voluto sostituire all’uovo per rendere la ricetta vegana) ultimante le cotture mescolare gli ingredienti e il curry, formare delle polpette e infornare 15 minuti a 200°

Zuppa d’orzo

IMG_1231

Questa ricetta è la mia coccola, quando la vita si accanisce e arrivo a casa la sera dopo una settimana interminabile mi cucino questa zuppa e mi lascio tutto alle spalle, anche questa è una ricetta che mi faceva sempre la mia mamma.

Mi sembra perfettamente adatta in questo periodo, visto che di giorno si comincia già ad avere molto caldo, ma poi la sera l’aria si rinfresca molto… ma procediamo con la ricetta, ho già l’acquolina in bocca, mentre vi scrivo la zuppa sta cuocendo sul fornello, e sento già il profumo.

Ingredienti

1 carota a pezzetti

1 sedano piccolo

2 o 3 fogli di cipolla

2 patate piccole

300 g di orzo

100 g di pancetta dolce

sale

pepe

1 cucchiaino di rosmarino secco

700 ml di acqua

Preparazione

Sciacquare bene l’orzo sotto l’acqua corrente, nella pentola con i bordi alti, mettere le verdure tagliate finemente, tranne le patate che vanno bene anche a tocchetti un pochino più grossi, aggiungere i condimenti, sale pepe e rosmarino e l’acqua, la pancetta  e aggiungere in fine l’orzo e far cuocere circa 30 minuti, assicurarsi che durante la cottura l’acqua non si asciughi troppo.

servire nei piatti molto calda!!! buon appetito e buon weekend amici…

CRECKERS DI SEMI – la mia versione

IMG_0972

 

Questa è una ricetta un po’ diversa da quelle che sono consueta preparare, ma in un pomeriggio di massima ispirazione, aiutata da Matteo, non vi dico com’era la cucina dopo, abbiamo assemblato questi creckers, è proprio il caso di dire che li abbiamo assemblati, avevo letto una ricetta da qualche parte in rete, poi io e Matteo siamo andati un po’ a occhio. Le sue manine prendevano ingredienti di qua e di là, AIUTO!!!!

Ingredienti

60 g semi di girasole

50 g di semi di sesamo

50 g semi di zucca

60 g di semi di lino

100 g di farina 00

1 cucchiaino di sale

80 ml di olio

1 cucchiaino di curcuma

400 ml di acqua

Preparazione

Miscelare tutti gli ingredienti secchi, quindi  la farina, tutti i semi, il sale, e la curcuma in una ciotola capiente, aggiungere olio e acqua, mescolare bene, risulterà un composto abbastanza liquido, dividere in due il composto e versarlo in due teglie rivestite di carta forno.

Lo spessore deve essere il più sottile possibile. Cuocere con il forno ventilato a 160° per 45 minuti, tagliare con una rotella per la pizza e  lasciar raffreddare su una graticola.

 

Piatto della domenica – le quaglie

 

img_1010

Domani è domenica e avete esaurito le idee? che ne dite delle quaglie, per me sono il tipico piatto da domenica, quando si ha più tempo di cucinare e soprattutto è bello stare a tavola un po’ di più a chiacchierare.

Ingredienti

6 quaglie
250 g di panna fresca oppure panna da cucina vegetale
6 foglie di salvia
1 spicchio d’aglio
1 bicchiere di vino bianco
olio
sale
pepe

In una padella dai bordi alti fai rosolare le quaglie con uno spicchio d’aglio con un po’ di olio e le foglie di salvia tagliate finemente, devono risultare ben dorate.

Elimina l’aglio e aggiungi il bicchiere di vino, il sale, il pepe una volta sfumato il vino, copri con un coperchio e cuoci per circa 10\15 minuti, se si asciuga troppo aggiungi un po’ di bordo vegetale, dopo di che aggiungi la panna  e cuoci per altri 10 minuti.

Servi quindi le quaglie con il sughetto che si è formato in cottura e un purè di patate, secondo me è il modo migliore per gustare questo piatto.

I fusilli della mia mamma

 

img_1116

Questo piatto mi fa una grande tenerezza, mi ricorda quand’ero ragazza e abitavo ancora con i miei genitori, Mia mamma lo faceva spesso, io lo ripropongo anche ai nostri amici e devo dire che ha sempre un discreto successo.

Ingredienti

350 g di fusilli

200 g filetto di salmone fresco

100 g di piselli

1 confezione di panna vegetale

1 bustina di zafferano

olio

sale

Preparazione

In una pentola capiente mettere a bollire l’acqua per la pasta, nel frattempo in una padella con un filo d’olio cuocere il salmone tagliato a tocchetti, privato della pelle e delle lische, aggiungere i piselli, quando il tutto inizia a prendere colore aggiungere la panna vegetale, lo zafferano e salare, cuocere ancora qualche minuto, fin che la panna non si raddensa un po’, cuocere la pasta, scolarla e versarla direttamente nella padella con il sugo.

servire e buon appetito!!!

Polpette di merluzzo

img_1129

 

Diciamoci la verità il pesce ha un sacco di virtù, fa bene ecc., ma è noioso, quando a casa presento i tranci di merluzzo con olio e limone storcono tutti il naso, quindi spesso mi devo inventare ricette alternative, per prendere in giro gli occhi e il palato e questo è una di quelle. Vi dico solo che ho dovuto fare la foto direttamente dalla pentola e per giunta mezza vuota!!!

Ingredienti

500 g di merluzzo (anche surgelato)

2 patate

2 uova

2 cucchiai di pan grattato

olio

250 g polpa di pomodoro

1 spicchio di aglio

1 cucchiaio di prezzemolo

sale e pepe ( io spesso il sale non lo metto, per questioni di salute, ma sono buone lo stesso)

Preparazione

Lavare e far cuocere le patate con la buccia, intanto nel robot da cucina inserire il merluzzo, le uova, il pan grattato, il sale, il pepe, il prezzemolo e frullate il tutto.

Una volta cotte, lasciar raffreddare, sbucciare le patate e amalgamare al resto del composto, mi raccomando unitele con un cucchiaio di legno, se utilizzate il robot da cucina diventano una colla e quindi immangiabili.

In una padella capiente mettete uno spicchio d’aglio a soffriggere con un filo di olio, io lo infilzo con uno stuzzicadenti così non si perde in cottura e non rischiamo brutti incontri, ormai l’avrete capito io cipolla, aglio e affini li uso il minimo indispensabile.

Ora è la volta della polpa di pomodoro, mettetela a cuocere per circa 5 minuti nella padella, quando è ben calda formate le polpette e mettetele direttamente in padella, devono cuocere una ventina di minuti a fuoco vivo, prima di girarle aspettate almeno 10 minuti, altrimenti si spaccano.

Diciamo che con questa ricetta ho fatto contenti grandi e piccini, non vi dico poi che scarpetta hanno fatto.

Quindi buon appetito!!

TORTA SACHER

IMG_1117

Credo che questa torna non abbia bisogno di grandi presentazioni, è nota in tutto il mondo, in più è un tripudio di cioccolato, quindi come si fa a non amarla, a casa devo stare attenta a cucinare cose con il cioccolato, perchè Matteo ne va matto e spesso esagera e questa è una di quelle.

Ingredienti

Per l’impasto

130 g zucchero

5 uova

1 pizzico di sale

200 g cioccolato fondente

150 g burro morbido

1 stecca di vaniglia

150 g farina

2 cucchiai di lievito per dolci

Per la farcitura

300 g marmellata di albicocche

Per la copertura

130 g di cioccolato fondente

100 g panna fresca

Preparazione

Montare gli albumi a neve con un pizzico di sale, e mettere in frigo in modo che non si smontino, fondere il cioccolato e il burro a bagnomaria, in una ciotola capiente lavorare i tuorli con lo zucchero e l’interno di una bacca di vaniglia, tagliata a metà e svuotata dei semi.

Aggiungere al composto il cioccolato sciolto con il burro e la farina, amalgamare bene, quando il composto è omogeneo aggiungere il lievito.

Con un cucchiaio di legno aggiungere mescolando dal basso verso l’alto gli albumi montati a neve.

Trasferire il tutto in una tortiera con il fondo apribile dal diametro di 26 cm precedentemente imburrata e cuocere a 180° per 30\35 minuti.

Sfornare la torta, lasciar raffreddare completamente e toglierla dalla tortiera.

Con un coltello lungo tagliare la torta in due strati spalmare circa 1\3 della marmellata sul primo strato e sovrapporre il secondo strato. Coprire tutta la torta con la marmellata rimasta e lasciar riposare 10 minuti.

Nel frattempo, sciogliere il cioccolato a bagnomaria con la panna, quando è ben sciolto versare la copertura sulla torta e spalmare uniformemente. Lasciar raffreddare in frigorifero fin che non solidifica.

servire con un po’ di panna liquida o meglio ancora panna montata.

Recensione libro”IL GRANDE LIBRO DELLA CUCINA”

foto16

Era un po’ che mancava una recensione, io vorrei farle più spesso, perchè mi capita continuamente di acquistare un libro, soprattutto su Amazon e rimanerne delusa.

Titolo: Il grande libro della cucina

Autore: Carlo Spinelli e Aldo Spinelli

Foto: Silvia Marinelli

Casa Editrice: 24 ORE Cultura

Anno pubblicazione: novembre 2016

Totale pagine: 300

Costo: 39,90 €

Già dalla copertina appare un libro originale, la copertina è in legno con intagliato un coltello e una forchetta.

Sfogliandolo si scopre che è un viaggio intorno al mondo, il libro parte illustrando gli stili, quello Mediterraneo, Nordico, Arabo, Asiatico, Vegetariano, Caraibico, Street food, non ho molto capito nel viaggio intorno al mondo in quale paese si collocano lo street food e il vegetariano, ma un approfondimento in più fa sempre piacere.

Prosegue con l’illustrazione dei principali ingredienti dei diversi “stili”, poi parte con le ricette toccando 5 paesi delle vari e aree, mentre per la parte vegana\vegetariana ci propone delle ricette vegane, di sola frutta (pizza fruttariana, non oso nemmeno leggere la ricetta, ok, l’ho fatto era meglio che lasciavo perdere), crudismo ecc… secondo me questa parte confonde un po’ le odee, mentre la parte dello street food, è un po’ più interessante anche se tratta anche in questo caso la cucina veg & vegan, ma sono fissati!

Devo dire però che le illustrazioni e le foto sono molto ben fatte ed accattivanti.

In conclusione, lo ricomprerei, mah… nella mia libreria non sta certo male, visto che ho libri di ogni genere e stile, ma non mi sento di consigliarlo, ci sono molti altri libri che amo molto di più, poi questo non è nemmeno particolarmente economico.

Spero che anche questa recensione vi sarà utile… ciaoooo!!!

 

Avocado Toast alla mediterranea

Ragazzi oggi ricetta espressa, è sabato il tempo per cucinare è sempre poco perché si hanno un sacco di commissioni da fare, o semplicemente perché ci si vuole riposare un po’. Questo è proprio quello che mangeremo tra poco… Vi devo confessare che non vedo l’ora.

Ingredienti

4 fette di pane integrale

1 avocado maturato

2 fette di filetto di salmone

4/5 pomodori secchi

Limone qb

Sale 

Olio

Preparazione

Pulire e sbucciate l’avocado, deve essere molto molto maturo, il mio ero un po’indietro, ma avevo troppa voglia di mangiarlo e non ho resistito.

Tagliare l’avocado a pezzi piccoli, condire con olio limone e sale e frullare il tutto, deve venire una specie di cremina.

Cuocere il salmone in una padella antiaderente, se è particolarmente grasso, si più evitare di mettere l’olio, non cuocere troppo altrimenti secca, quando è ben cotto spezzettarlo a pezzetti piccoli, in fine tritare i pomodori secchi.

Tostare le 4 fette di pane e comporre il piatto, mettere a strati prima l’avocado, poi il salmone ed in fine guarnire con i pomodori secchi e il piatto è pronto. 😋